Sei in: Home » Articoli

Infortuni sul lavoro: il titolare dell'azienda non è responsabile se il direttore dello stabilimento ha poteri di prevenzione anti-infortuni

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 4106 del 3 febbraio 2011, ha stabilito che il titolare dell'azienda, che operi in più sedi, non è responsabile dell'infortunio occorso ad un proprio dipendende qualora il direttore dello stabilimento abbia i poteri di decisione e di spesa sufficienti per evitare l'incidente. Sarà infatti il responsabile dell'unità produttiva a risponde penalmente nei limiti degli adempimenti prescritti dalla normativa antinfortunistica. Nella fattispecie in esame, la Suprema Corte accoglie il ricorso di un datore di lavoro - condannato nei precedenti gradi di giudizio per l'infortunio di un operaio caduto da una scala risultata non sicura - affermando la distinzione tra datore di lavoro in senso giuslavoristico e datore in senso prevenzionale, con la conseguenza che il direttore dello stabilimento può essere qualificato come datore di lavoro, ai fini della sicurezza, qualora gli vengano attribuiti poteri e disponibilità finanziarie idonee ad assolvere gli obblighi di legge in materia di sicurezza sul lavoro. I Giudici di legittimità ritengono non necessaria la prova rigorosa della sussistenza di una delega al direttore di stabilimento che è da ritenersi responsabile a titolo originario e non già per delega, in quanto l'intervento per mettere in sicurezza la scala rientrava certamente nel suo potere di spesa e nell'autonomia di cui disponeva.
(06/02/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF