Sei in: Home » Articoli

La P.E.C., moderno canale preferenziale nei rapporti con le Pubbliche Amministrazioni, ora ha il suo motore di ricerca.

La posta elettronica certificata (P.E.C.) è un servizio di posta elettronica che è in grado di assicurare non solo la ricezione del messaggio da parte del destinatario, ma anche la perfetta conformità tra il messaggio inviato e quello ricevuto, ossia quello accessibile al destinatario nella sua casella di posta. Tali garanzie derivano dal fatto che a certificare la ricezione del messaggio, nella sua integrità, sono degli Enti gestori a ciò deputati, connotati da requisiti particolarmente rigorosi, soprattutto in tema di affidabilità e sicurezza, previsti dalla legge e dal CNIPA (oggi rectius DigitPA). Secondo quanto stabilito dal D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 ess.mm.ii. “Codice dell'Amministrazione Digitale” le PP.AA. utilizzano la P.E.C. per ogni scambio di documenti e informazioni con i soggetti interessati che ne fanno richiesta e che hanno preventivamente dichiarato il proprio indirizzo di P.E.C.. L'art. 48 del decreto citato assegna un rilevante valore giuridico alla P.E.C.: utilizzando tale servizio, infatti, la trasmissione del documento informatico equivale, nei casi consentiti dalla legge, alla notificazione per mezzo della posta.
E' evidente il risparmio in termini di costi per la macchina pubblica e per i cittadini, i quali possono evitare il rischio di doversi recare all'ufficio postale per ritirare eventuali raccomandate ricevute in loro assenza; una gran comodità, a patto di essere sicuri di controllare frequentemente la propria casella di P.E.C. dichiarata per i rapporti con le PP.AA.. Ma come fare per sapere l'indirizzo di P.E.C. dichiarato dalla P.A. con cui intendiamo avere rapporti? Da oggi esiste un motore di ricerca ad hoc sul sito: www.paginepecpa.gov.it.
(29/09/2010 - V.Z.)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF