Sei in: Home » Articoli

Cassazione: prodotti contraffatti. La vendita è reato anche il falso è grossolano.

Con la sentenza n. 29016 del 23 luglio scorso, la Corte di Cassazione ha stabilito che se gli acquirenti non sono in grado di comprendere la falsità della merce, commerciare prodotti contraffatti è reato anche se la riproduzione risulterebbe grossolana. Il principio è stato affermato dalla seconda sezione penale, la quale, in seguito al ricorso di un imputato per il reato di contraffazione (che aveva però eccepito che il prodotto essendo talmente grossolano non avrebbe potuto ingannare sulla originalità), citando la sentenza n.16821/2008, ha in proposito precisato che “in tema di commercio di prodotti con segni falsi, perché il falso possa essere considerato innocuo e grossolano, e dunque, perché il reato possa essere ritenuto impossibile, occorre che le caratteristiche intrinseche dei prodotto e dei marchio che con esso si identifica siano tali da escludere immediatamente la possibilità che una persona di comune avvedutezza e discernimento possa essere tratta in inganno: tale giudizio va formulato con criteri che consentano una valutazione “ex ante” della riconoscibilità “ictu oculi” della grossolanità della falsificazione”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/07/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF