Sei in: Home » Articoli

Cassazione: chi maltratta un animale commette un delitto contro il sentimento per gli animali

Il reato di maltrattamento degli animali previsto e punito dall'Art. 544 ter c.p., è un delitto "contro il sentimento per gli animali" che è cosa ben diversa dall'ipotesi di reato prevista dall'art. Art. 638 (Uccisione o danneggiamento di animali altrui). Lo chiarisce la Corte di Cassazine (sentenza n.24734/2010) evidenziando che l'art. 638 è una disposizione che rientra tra i delitti contro il patrimonio, in cui il bene protetto è la proprietà privata dell'animale, mentre il delitto di cui all'art. 544 ter c.p., tutela appunto il sentimento per gli animali. Se nel primo caso l'animale è tutelato come bene patrimoniale e la consapevolezza dell'appartenenza di esso ad un terzo soggetto, parte offesa, è un elemento costitutivo del reato, nel secondo caso, ciò che rileva è la condotta lesiva dell'integrità dell'animale stesso.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/07/2010 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debitoEquitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF