Diritto di Famiglia

Se la ex va convivere con un altro perde il diritto all'assegno di mantenimento

In allegato il testo della Sentenza - Cassazione Civile, n. 6855/2015
sentenza cassazione giudice martello
Avv. Luisa Camboni -

Con la sentenza n.6855 del 3 aprile 2015 i Giudici di Piazza Cavour, hanno detto un chiaro "NO" all'assegno di mantenimento quando l'ex coniuge si è formato una nuova famiglia.

Vediamo quale è stata la vicenda che ha portato i Giudici della Corte a questa pronuncia.

Il caso riguarda una coppia divorziata di Brindisi. La sentenza di divorzio prevedeva a carico dell'ex marito il pagamento a favore dell'ex moglie di un assegno di mantenimento per un importo pari a € 1.000,00. 

La donna, però, dopo la separazione si era ricostruita una nuova famiglia ed aveva avuto anche dei figli. Successivamente anche la nuova relazione si era interrotta. 

L'ex marito, ritenendo ingiusto dover continuare a corrispondere l'assegno alla sua ex aveva proposto ricorso in Appello, ma i Giudici del secondo grado avevano confermato quanto stabilito nella sentenza del tribunale ritenendo corretto che l'ex marito dovesse continuare a corrispondere alla ex moglie l'assegno di mantenimento.

La vicenda giungeva, così, in Corte di Cassazione.

I Giudici di Piazza Cavour ribaltando la sentenza della Corte d'Appello affermano che

"Ove la convivenza assuma i connotati di stabilità e di continuità e i conviventi elaborino un progetto e un modello di vita in comune (analogo a quello del matrimonio), con la presenza di figli, la mera convivenza si trasforma in famiglia di fatto".

Ciò significa che, se la nuova convivenza presenta i requisiti della stabilità, della continuità e si fonda su un modello di vita simile a quello del matrimonio, viene meno per l'ex coniuge che si è formato una nuova famiglia il diritto all'assegno di mantenimento divorzile.

E, se la nuova convivenza si interrompe che succede? Si può tornare indietro e reclamare l'assegno di mantenimento?

La Corte di Cassazione, ancora una volta, risponde con un “NO”.

Anche se la nuova relazione si interrompe, alla ex moglie non può venir riconosciuto di nuovo il diritto all'assegno di mantenimento.

Avv. Luisa Camboni

Via L. Garau, n°22 09025 Sanluri (CA)

Cell: 3281083342 – Mail: avv.camboni@tiscali.it

Su questo argomento vedi anche la guida legale: Quando si perde il diritto all'assegno di mantenimento

Cassazione Civile, testo sentenza 6855/2015
Avv. Luisa Camboni - Studio Legale Avv.Luisa Camboni
Via Muraglia 57 09025 Sanluri (CA)
Tel/Fax 070 7567928
cell. 328 1083342 - mail: avv.camboni@tiscali.it - » Altri articoli dell'Avv. Luisa Camboni
Lo studio legale dell'Avv. Luisa Camboni offre disponibilità per domiciliazioni nel Foro di Cagliari e nel Foro di Oristano. L'Avv. Camboni offre anche un servizio di consulenza legale a pagamento.
» Scrivi all'Avv. Luisa Camboni «
(02/05/2015 - Avv. Luisa Camboni)
Le più lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF