Cassazione: delibazione della sentenza ecclesiastica di nullità del matrimonio per difetto del consenso

Nullità del matrimonio concordatario per difetto del consenso
sposa matrimonio nozze unione civile
La Corte di cassazione, con sentenza 6611/2015, si è nuovamente pronunciata sul tema della delibazione della sentenza ecclesiastica dichiarativa della nullità di un matrimonio concordatario per difetto del consenso.

La Corte ha stabilito che le situazioni di vizio di mente di uno dei coniugi che il giudice ecclesiastico prende in considerazione ritenendole causative dell' incapacità del soggetto a contrarre il matrimonio,  combaciano sostanzialmente con l' ipotesi di invalidità contemplata dall'art. 120 cod. civ.

Per tale motivo è da escludere che il riconoscimento dell'efficacia di una tale sentenza  ecclesiastica trovi ostacolo nei principi fondamentali dell'ordinamento italiano.

Per rifiutare la delibazione di una sentenza ecclesiastica dichiarativa della nullità del matrimonio concordatario è necessario che la convivenza si sia protratta per almeno tre anni. 

E' soltanto in questa ipotesi  che può trovare accoglienza la tutela del  matrimonio nel senso di "rapporto" rispetto alla validità del matrimonio inteso come "atto".
(21/06/2015 - Maria De Filippis)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF