Sei in: Home » Articoli

Diritto penale comparato. In Ungheria la detenzione di sostanze stupefacenti di modica quantità e per uso personale è fattispecie penalmente perseguibile

Il diverso regime sanzionatorio in Ungheria
budapest parlamento_cr id12208

www.consulenzalegaleungheria.it 

Secondo l'ordinamento italiano la detenzione di sostanze stupefacenti integra il reato di cui all'art. 73 del D.P.R 309/90, salvo che la detenzione delle predette sostanze non si dimostri essere avvenuta per uso esclusivamente personale.

A tale depenalizzazione – che, ribadiamo, riguarda solo la detenzione ad uso personale - si è giunti, come noto, a seguito dell'esito positivo del referendum abrogativo del 18 aprile del 1993.

È venuto conseguentemente meno l'istituto della "dose media giornaliera" e, ai fini della valutazione di rilevanza penale della detenzione della sostanza, ha perso rilevanza giuridica anche l'aspetto quantitativo.

Tale ultimo aspetto assume, tuttavia, valore indiziario della destinazione a terzi, ossia dello “spaccio” di sostanze stupefacenti.

Diversamente da quanto previsto dall'ordinamento italiano, il legislatore ungherese ha previsto all'art. 178, comma 6, del Codice Penale ungherese che colui che consuma sostanze stupefacenti, o acquista o possiede una piccola quantità di stupefacenti per uso personale, commette reato.

Tale condotta è punibile con la reclusione non superiore a due anni. La pena può, tuttavia, essere aumentata nei casi in cui l'atto abbia comportato un più grave reato.

Nei casi di possesso di sostanze stupefacenti, di modico quantitativo e ad uso personale, vi è la possibilità di richiedere nel corso del procedimento penale la sospensione condizionale della pena, sempre che non si ricada in una delle ipotesi di esclusione previste dal legislatore ungherese, o l'applicazione di una pena alternativa alla reclusione quale la detenzione “leggera”, il lavoro / servizio di pubblica utilità o la multa. Tali sanzioni, non sempre lievi, possono essere imposte anche congiuntamente.

Deve, poi, menzionarsi come il vigente ordinamento ungherese preveda la possibilità per chiunque produca, fabbrichi, acquisti o possieda una piccola quantità di sostanze stupefacenti ad uso personale, di evitare l'irrogazione della pena se dimostri di aver seguito, prima della conclusione del procedimento penale di primo grado, un trattamento per la tossicodipendenza per almeno sei mesi consecutivi o di aver partecipato – nel medesimo periodo - ad un programma di riabilitazione e prevenzione dall'uso di sostanze stupefacenti.

Dall'esperienza diretta dello Studio, possiamo riferire come sia prassi comune delle diverse Procure ungheresi sospendere la pubblica accusa – e quindi l'avvio del procedimento penale vero e proprio - per un termine congruo alla partecipazione del reo confesso al trattamento antidroga o riabilitativo di durata di sei mesi ed il contestuale avvio di una procedura amministrativa di sorveglianza della fase di riabilitazione.

Avv. Davide Sacco 
sacco@consulenzalegaleungheria.it 
www.consulenzalegaleungheria.it 
Tel. +36.70.3452680 / +39.347.8022372 


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(08/01/2015 - Davide Sacco)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF