Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Precisazioni sui reati antisismici. Le regole vanno rispettate indipendentemente dall'effettiva pericolosità dei manufatti

Lo affermano gli Ermellini con la sentenza n. 50624/2014.
lavoro costruzione sicurezza infortuni

Con la sentenza n. 50624/2014 del 3 dicembre scorso, la terza sezione penale della Corte di Cassazione è intervenuta in materia di costruzioni in zone sismiche. 

Richiamando quanto disposto dagli artt. 93, 94 e 95 del T.U.E. – Testo Unico sull'Edilizia – gli Ermellini hanno chiarito che il reato antisismico ricorre in tutti i casi di opere realizzate in una delle zone sismiche definite tali all'art. 83 dello stesso testo di legge, senza che siano stati assolti gli obblighi di preventiva denuncia e presentazione dei progetti allo sportello unico e senza che sia stata ottenuta la autorizzazione scritta del competente ufficio tecnico della regione

Indipendentemente dall'effettiva pericolosità dei manufatti in questione – così come già stabilito in passato dai giudici della suprema Corte (cfr. sent. n. 5738/97) – qualunque progetto di intervento edilizio in zona sismica, comportante o meno l'esecuzione di opere in conglomerato cementizio armato: 

1) deve essere previamente denunciato al competente ufficio al fine di permettere i controlli preventivi; 

2) abbisogna del rilascio del preventivo titolo abilitativo; 

3) deve essere redatto da un professionista abilitato ed allegato alla denuncia di esecuzione dei lavori; 

4) deve prevedere che gli stessi lavori siano diretti da un professionista abilitato. 

Ciascuna violazione dei predetti obblighi costituisce un autonomo capo di imputazione. Restano esclusi dalla normativa gli interventi di semplice manutenzione ordinaria. 

(02/01/2015 - Mara M.)
Le più lette:
» Isee: i Caf sospendono il servizio dal 15 maggio
» Ogni causa è incerta... e l'avvocato non lavora mai gratis
» Carta d'identità elettronica: al via da oggi
» Il dictum della Cassazione: è reato mettere le corna in casa alla moglie!
» Condominio: multe fino a 2mila euro al mese all'amministratore che non comunica i nomi dei morosi
In evidenza oggi
Niente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudiceNiente foto dei figli su Facebook: accordo dei genitori davanti al giudice
RC Auto: vietata la clausola che impone il carrozziereRC Auto: vietata la clausola che impone il carrozziere
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF