Sei in: Home » Articoli

A Rimini, aspiranti ctu commercialisti ‘omettono' dichiarazioni sulla fedina penale. Presto il processo

Nel compilare i moduli di autocertificazione a norma dal d.P.R. 445/2000, i due avevano infatti "dimenticato" di menzionare le rispettive fedine penali
giudice sentenza

Devono aver mal interpretato il significato di "spiccata condotta morale" (il requisito richiesto da tutti i tribunali d'Italia agli aspiranti ctu), i due commercialisti riminesi di 66 e 44 anni che lo scorso ottobre, in occasione degli aggiornamenti delle liste dei consulenti del Tribunale di Rimini, avevano presentato domanda per entrare nella categoria dei commercialisti ed esperti contabili. 

Nel compilare i moduli di autocertificazione a norma dal d.P.R. 445/2000, i due avevano infatti "dimenticato" di menzionare le rispettive fedine penali non esattamente immacolate, ma screziate entrambe da diverse condanne definitive. Il 66enne, infatti, aveva al suo attivo sentenze passate in giudicato per: avvelenamento delle acque, bancarotta fraudolenta e appropriazione indebita; mentre il 44enne era stato condannato in passato "soltanto" per lesioni personali e disturbo della quiete pubblica

Macchie macroscopiche, per la verità, che non potevano superare indenni il vaglio del Presidente del Tribunale, il quale ha immediatamente fatto scattare le indagini a carico dei due professionisti. Per entrambi, il 2015 si apre quindi con una denuncia a piede libero per falso ideologico (se volevano aggiungere un altro reato alla "collezione"...).

(02/01/2015 - Mara M.)
Le più lette:
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Guide Legali: L'incaricato di un pubblico servizio
In evidenza oggi
Vaccini: 75mila firme per la petizione contro il decretoVaccini: 75mila firme per la petizione contro il decreto
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF