Sei in: Home » Articoli

A Rimini, aspiranti ctu commercialisti ‘omettono' dichiarazioni sulla fedina penale. Presto il processo

Nel compilare i moduli di autocertificazione a norma dal d.P.R. 445/2000, i due avevano infatti "dimenticato" di menzionare le rispettive fedine penali
giudice sentenza

Devono aver mal interpretato il significato di "spiccata condotta morale" (il requisito richiesto da tutti i tribunali d'Italia agli aspiranti ctu), i due commercialisti riminesi di 66 e 44 anni che lo scorso ottobre, in occasione degli aggiornamenti delle liste dei consulenti del Tribunale di Rimini, avevano presentato domanda per entrare nella categoria dei commercialisti ed esperti contabili. 

Nel compilare i moduli di autocertificazione a norma dal d.P.R. 445/2000, i due avevano infatti "dimenticato" di menzionare le rispettive fedine penali non esattamente immacolate, ma screziate entrambe da diverse condanne definitive. Il 66enne, infatti, aveva al suo attivo sentenze passate in giudicato per: avvelenamento delle acque, bancarotta fraudolenta e appropriazione indebita; mentre il 44enne era stato condannato in passato "soltanto" per lesioni personali e disturbo della quiete pubblica

Macchie macroscopiche, per la verità, che non potevano superare indenni il vaglio del Presidente del Tribunale, il quale ha immediatamente fatto scattare le indagini a carico dei due professionisti. Per entrambi, il 2015 si apre quindi con una denuncia a piede libero per falso ideologico (se volevano aggiungere un altro reato alla "collezione"...).

(02/01/2015 - Mara M.)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF