Sei in: Home » Articoli

Cassazione, non è "necessaria" la partecipazione al giudizio del coniuge in comunione legale se la lite riguarda la validità di una vendita stipulata solo dall'altro coniuge

Lo ha stabilito la terza sezione civile della Cassazione, con sentenza n. 26168 del 12 dicembre 2014
Facciata del palazzo della cassazione

In regime di comunione legale, se uno dei due coniugi acquista o vende da solo un immobile, l'altro coniuge può considerarsi "litisconsorte necessario" (ossia soggetto la cui partecipazione al giudizio è necessaria ai fini della regolarità del contraddittorio) soltanto nelle controversie che incidono direttamente sul diritto di proprietà e non anche in quelle riguardanti la validità o l'efficacia del contratto rispetto alla cui formazione egli è rimasto estraneo.

Lo ha stabilito la terza sezione civile della Cassazione, con sentenza n. 26168 del 12 dicembre 2014, rigettando il ricorso di una donna contro la sentenza della Corte d'Appello di Napoli che accoglieva la domanda di una banca, creditrice del marito della donna per la restituzione di un finanziamento, la quale aveva citato in giudizio il debitore per ottenere la revocatoria degli atti con cui lo stesso aveva trasferito due cespiti immobiliari.

Contro la decisione del giudice territoriale la donna ricorreva per Cassazione dolendosi del fatto che il contraddittorio non poteva dirsi “integro” considerata la sua assenza, dato che l'immobile era stato acquistato in regime di comunione legale.

Ma la Cassazione le dà torto.

Secondo i giudici di piazza Cavour, infatti, “qualora uno dei coniugi, in regime di comunione legale dei beni, abbia da solo acquistato o venduto un bene immobile da ritenersi oggetto della comunione, il coniuge rimasto estraneo alla formazione dell'atto è litisconsorte necessario in tutte le controversie in cui si chieda al giudice una pronuncia che incida direttamente e immediatamente sul diritto dominicale, mentre non può ritenersi tale in quelle controversie in cui si chieda una decisione che incide direttamente e immediatamente sulla validità ed efficacia del contratto”.

Considerato, pertanto, che l'azione revocatorianon determina alcun effetto restitutorio né traslativo, ma comporta l'inefficacia relativa dell'atto rispetto al creditore, senza caducare, ad ogni altro effetto, l'atto di alienazione”, hanno affermato i giudici di legittimità rigettando il ricorso, “non sussiste alcun ipotesi di litisconsorzio necessario”. 

Cassazione testo sentenza n.26168/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/12/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF