Sei in: Home » Articoli

Commette tentata estorsione l'ex coniuge che pretende con minacce la disponibilità della casa coniugale

L'astio fra ex può diventare reato quando toni e modi usati si fanno troppo accesi.
violenza donne separazione divorzio lite litigano maltrattamenti

L'astio fra ex può diventare reato quando toni e modi usati si fanno troppo accesi. 

Così, è accaduto che i Giudici della sezione feriale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 38559/2014 depositata lo scorso 19 settembre, hanno configurato il delitto di estorsione (art. 629 c.p.) in capo ad un uomo che a mezzo sms aveva minacciosamente intimato alla ex moglie di lasciargli la disponibilità della casa coniugale. 

Condannato in primo grado nel 2009 dal Tribunale di Milano per tentata estorsione e ingiuria, l'uomo ricorreva in Cassazione eccependo l'inutilizzabilità delle trascrizioni dei messaggi telefonici (perché avvenute ad opera di persona titolare di un interesse contrapposto – la ex moglie) e, in definitiva, cercando di far derubricare la sua condotta per ricondurla nell'alveo del reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni. Ma i Supremi Giudici hanno ritenuto infondati i motivi di ricorso – sia per quanto riguarda l'inutilizzabilità delle trascrizioni (che doveva essere specificamente provata dal ricorrente), sia, soprattutto, per quel che attiene alla pretesa buona fede dell'imputato riguardo alla spettanza della casa coniugale (l'elemento psicologico costitutivo del reato di esercizio arbitrario delle ragioni). 

In relazione a quest'ultimo punto, infatti, gli Ermellini hanno rilevato che le reiterate minacce di morte alla donna, al padre e al nuovo convivente della stessa, avevano tutte l'obiettivo di «distruggere moralmente e psicologicamente la vittima», per indurre questa cedere “un diritto” che il condannato sapeva bene di non poter rivendicare dinanzi alla autorità giudiziaria.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/10/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF