Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Il saluto romano è ancora reato. La Legge Scelba non va in pensione!

Revival di squadrismo e «rigurgiti antidemocratici» sono un pericolo ancora attuale secondo la Cassazione
Facciata del palazzo della cassazione

Revival di squadrismo e «rigurgiti antidemocratici» sono un pericolo ancora attuale. Così, secondo gli Ermellini della prima sezione penale, che nella sentenza 37577/2014 depositata lo scorso 12 settembre, hanno riaffermato la natura criminosa del saluto romano

Una pronuncia che ha deciso in via definitiva il procedimento contro A.B. e M.G., accusati di manifestazioni fasciste per aver salutato a braccio teso i "camerati" ad un raduno di Casa Pound. 

Ricordando che l'art. 5 della Legge 645/'52 (nota come “Legge Scelba”) punisce detto reato con la reclusione fino a 3 anni, i Giudici di Legittimità non hanno ritenuto di accogliere le motivazioni dei ricorrenti che sottolineavano la non lesività del gesto e l'obsolescenza delle norme che lo proibiscono, per via della mutata situazione politica e sociale e del principio di libera espressione delle idee; al contrario, la Suprema Corte ha ravvisato proprio nelle modalità e nelle circostanze della condotta un rischio di proselitismo e di ricostituzione di un’entità anticostituzionale e liberticida come il disciolto partito fascista – seppure a oltre settant'anni di distanza dalla fine della dittatura. 

Si legge, infatti, nelle motivazioni che: "nulla autorizza a ritenere che il decorso di ormai molti anni dall'entrata in vigore della Costituzione renda scarsamente attuale il rischio di ricostituzione di organismi politico-ideologici aventi comune patrimonio ideale con il disciolto partito fascista o altre formazioni politiche analoghe" e "l'esigenza di tutela delle istituzioni democratiche non risulta erosa dal decorso del tempo". 

Insomma, il diritto alla libertà di espressione – garantito dall'art. 21 della Costituzione – cui facevano appello gli avvocati dei ricorrenti, è in questo caso superato dal preminente interesse al mantenimento dell'ordine pubblico e alla tutela dei valori democratici.

(01/10/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF