Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Il saluto romano è ancora reato. La Legge Scelba non va in pensione!

Revival di squadrismo e «rigurgiti antidemocratici» sono un pericolo ancora attuale secondo la Cassazione
Facciata del palazzo della cassazione

Revival di squadrismo e «rigurgiti antidemocratici» sono un pericolo ancora attuale. Così, secondo gli Ermellini della prima sezione penale, che nella sentenza 37577/2014 depositata lo scorso 12 settembre, hanno riaffermato la natura criminosa del saluto romano

Una pronuncia che ha deciso in via definitiva il procedimento contro A.B. e M.G., accusati di manifestazioni fasciste per aver salutato a braccio teso i "camerati" ad un raduno di Casa Pound. 

Ricordando che l'art. 5 della Legge 645/'52 (nota come “Legge Scelba”) punisce detto reato con la reclusione fino a 3 anni, i Giudici di Legittimità non hanno ritenuto di accogliere le motivazioni dei ricorrenti che sottolineavano la non lesività del gesto e l'obsolescenza delle norme che lo proibiscono, per via della mutata situazione politica e sociale e del principio di libera espressione delle idee; al contrario, la Suprema Corte ha ravvisato proprio nelle modalità e nelle circostanze della condotta un rischio di proselitismo e di ricostituzione di un’entità anticostituzionale e liberticida come il disciolto partito fascista – seppure a oltre settant'anni di distanza dalla fine della dittatura. 

Si legge, infatti, nelle motivazioni che: "nulla autorizza a ritenere che il decorso di ormai molti anni dall'entrata in vigore della Costituzione renda scarsamente attuale il rischio di ricostituzione di organismi politico-ideologici aventi comune patrimonio ideale con il disciolto partito fascista o altre formazioni politiche analoghe" e "l'esigenza di tutela delle istituzioni democratiche non risulta erosa dal decorso del tempo". 

Insomma, il diritto alla libertà di espressione – garantito dall'art. 21 della Costituzione – cui facevano appello gli avvocati dei ricorrenti, è in questo caso superato dal preminente interesse al mantenimento dell'ordine pubblico e alla tutela dei valori democratici.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/10/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF