Sei in: Home » Articoli

Amnesia dissociativa temporanea esclude la responsabilità penale. Dal Tribunale di Piacenza, sentenza di non luogo a procedere per papà che dimenticò figlio in auto

giudice sentenza

La vicenda del piccolo Luca – morto a soli 2 anni il 4 giugno 2013 perché “dimenticatodal papà nell'auto parcheggiata sotto il sole – colpì drammaticamente il cuore dell'opinione pubblica. Dopo una lunga fase di indagini, il Gip di Piacenza ha ora deciso di non procedere contro il genitore/omicida, perché riconosciuto affetto da amnesia dissociativa temporanea e quindi non in grado di intendere e volere al momento del fatto. 

Sia i periti psichiatri della Procura di Piacenza sia quelli incaricati dall'indagato, hanno infatti convenuto che la condotta che determinò la morte del piccolo – oltre a non essere dolosa – non è neppure imputabile a colpa del genitore

Come ricostruito dagli inquirenti, è stato stabilito che nei giorni precedenti alla tragedia, l'indagato si trovava sottoposto a un forte stato di stanchezza e tensione psico-fisica. Una situazione satura di stress che, unita a ritmi di vita serrati e routinari, può facilmente determinare dei “salti” mentali o – come sono stati definiti – dei buchi neri della memoria, tali da far perdere completamente coscienza di quali azioni si sono effettivamente compiute o meno. Una condizione psichica patologica ma relativamente comune, che può – come in questo caso – avere esiti tragicamente fatali. A farne le spese, disgraziatamente, sono proprio i più indifesi: i neonati e i bambini non ancora capaci di parlare, che sono spesso addormentati o comunque non hanno modo di segnalare efficacemente la propria presenza. 

Ecco perché, dopo la presa di coscienza collettiva di simili drammi, bisogna interrogarsi e adoperarsi per prevenire il verificarsi di casi analoghi in futuro

Come proposto dagli psichiatri coinvolti nel procedimento, per esempio, si potrebbe pensare all'installazione nelle auto con bimbi a bordo di speciali dispositivi acustici che avvertano della presenza dei piccoli sui seggiolini quando la macchina è ferma. 

Ma forse, sarebbe anche importante “alleggerire” i neogenitori – spesso costretti a “farsi in quattro” fra lavoro e accudimento dei figli –, con una rete sociale e un sistema di welfare che vengano incontro alle loro esigenze. 

Gli stessi genitori di Luca si stanno impegnando con la campagna Mai più morti come Luca in un'opera di sensibilizzazione e di conforto alle mamme e ai papà che hanno vissuto tragedie simili alla loro.







Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(28/09/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF