Diritto di Famiglia

Cassazione. Niente dichiarazione di adottabilità se almeno un genitore si interessa del figlio minore

affido figli affidamento
Con sentenza n. 18356/2014, la Suprema Corte ha accolto il ricorso di quel padre che - essendosi adoperato più volte per ricongiungersi con le due figlie minori - contestava la dichiarazione di adottabilità pronunciata dal Tribunale per i Minorenni (e confermata dalla Corte d'Appello competente) sulle stesse. 

Le ragazzine, sottratte alla madre - marocchina residente in Italia - per i maltrattamenti subiti da parte di questa e del di lei compagno, venivano collocate presso una famiglia con finalità adottive. Nel frattempo, però, il padre residente in Marocco tentava più volte di ottenere il visto di ingresso nel nostro Paese per poter ricongiungersi con le figlie e domandava notizie di queste presso il Consolato italiano in Marocco. E alla notizia della dichiarazione di adottabilità delle ragazze, ricorreva contro la sentenza, prima in Appello (senza successo) e poi in Cassazione. 

La Suprema Corte gli ha dato ragione, poiché ha ritenuto che la condotta - provata - dell'uomo fosse incompatibile con lo stato di abbandono (presupposto necessario perché si potesse procedere all'adozione) delle minori. Lo stato di abbandono è infatti una condizione definita dalla art. 8 L.184/83 come: "mancanza di assistenza materiale e morale", e - per consolidata giurisprudenza - deve essere "grave e irreversibile".

(04/09/2014 - Mara M.)
Le più lette:
» Il 'bon ton' degli avvocati
» Mille cancellieri: il 21 novembre arriva il bando
» Guide di diritto penale
» Divorzio: nuovo compagno? Addio per sempre all'assegno di mantenimento!
» Pensioni: trovato l'accordo. Cosa cambia da gennaio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF