Sei in: Home » Articoli

Siti porno in ufficio? Per la Cassazione c'è... un 'doppio' reato

computer stupore

Il lavoratore che utilizza il computer dell'ufficio per accedere a siti pedopornografici integra sia il reato di appropriazione indebita aggravata che quello di interruzione di pubblico servizio.

Ad affermarlo è la seconda sezione penale della Suprema Corte di Cassazione, con sentenza n. 27528 del 25 giugno scorso, in una vicenda inerente un dipendente comunale condannato sia in primo che in secondo grado per i reati di cui agli art. 61, n. 11, e 340 codice penale, per aver utilizzato il pc dell'ufficio per navigare online e accedere a siti pedopornografici, approfittando dell'assenza dell'addetto e avendo la disponibilità dei locali.

Condividendo le conclusioni della corte territoriale, la Suprema Corte ha evidenziato che, accertato il fatto contestato (anche attraverso il materiale relativo allo sfruttamento minorile acquisito nella cartella dei files temporanei di internet), è irrilevante la circostanza che l'azienda, quale parte offesa, non avrebbe subito danni economici, avendo stipulato un contratto flat con la compagnia telefonica, con un unico e solo costo periodico.

Difatti, per la Cassazione, considerato che "il fatto, così come ricostruito, si è sostanziato non nell'uso dell'apparecchio telefonico come oggetto fisico, ma nell'appropriazione delle energie costituite da impulsi elettronici che erano entrate a far parte del patrimonio della parte offesa", la condotta dell'agente integra l'ipotesi di appropriazione indebita (Art. 646 codice penale).

Quanto al reato di interruzione di pubblico servizio, la Cassazione ha rilevato che "distogliendo il computer dalla gestione dell'impianto pubblico di illuminazione comunale per destinarlo all'accesso ai siti pornografici" l'imputato ha causato, per tutta la durata dei collegamenti illeciti, l'interruzione del servizio svolto nell'interesse pubblico, realizzando pertanto "il reato contestato di cui all'art. 340 codice penale".

Testo sentenza Corte di Cassazione n. 27528/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/07/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF