Sei in: Home » Articoli

Lesioni: bastano pochi lividi per far scattare il reato

giudice sentenza martello cassazione

Per integrare il reato di lesioni ex art. 582 c.p., è sufficiente la presenza di ecchimosi o lividi, i quali, anche se lievi, procurano un'alterazione dell'integrità fisica della persona. È quanto ha stabilito la quinta sezione penale della Corte di Cassazione, con sentenza n. 26804 del 20 giugno 2014, confermando la condanna di un uomo imputato del reato di lesioni per aver colpito la moglie con calci e pugni, la quale riportava ecchimosi sul corpo attestate dal certificato rilasciato dal medico curante e notate dal fratello. 

Secondo la Corte è senz'altro ravvisabile l'evento del reato di lesioni "in qualsiasi alterazione, per lieve che sia, dell'integrità fisica della persona; e quindi anche nelle ecchimosi, risultato di una rottura dei vasi sanguigni e di un'infiltrazione di sangue nel tessuto sottostante l'epidermide". 

Pertanto, la presenza dei lividi sul corpo della donna, nel caso di specie, costituisce, per la S.C., un chiaro indizio dell'esistenza del reato, indipendentemente dalla circostanza che il certificato rilasciato alla vittima dal pronto soccorso diagnosticasse solamente una crisi d'ansia anamnestica e che le ecchimosi fossero state constatate dal medico di fiducia della stessa, in quanto, quest'ultimo è comunque tenuto ad attestare il vero nelle proprie certificazioni. 

Per questi motivi, la Cassazione ha quindi rigettato il ricorso confermando la condanna ex art. 582 c.p. 

(05/07/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Licenziamento anche per l'assenza di pochi minutiLicenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF