Sei in: Home » Articoli

Separazione: contestare solo l'addebito della separazione e andare avanti con il divorzio

cassazione sentenza

Nell'attesa che il progetto di legge sul divorzio breve concluda il suo iter parlamentare, la Cassazione ha invitato in qualche modo tutti coloro che hanno in corso un giudizio di separazione, ad evitare un eccessivo allungamento dei tempi di decisione. In caso di controversie tra i coniugi sulla pronuncia di addebito, la Corte ha ricordato che le due questioni (pronuncia sulla separazione e pronuncia sull'addebito) viaggiano su binari diversi.  

Nell'ordinanza n. 12097 del 29 maggio 2014, la Suprema Corte ha così richiamato l'attenzione sul fatto che l'ex coniuge a cui è stata addebitata la separazione può limitarsi a impugnare solo tale capo della sentenza, dato che le questioni attinenti l'attribuzione della colpa della fine del rapporto coniugale, non precludono al giudizio di separazione di concludersi e passare in giudicato, consentendo così (se sono decorsi tre anni dalla prima udienza di comparizione davanti al tribunale) di esperire l'azione di divorzio

Difatti, spiega la Cassazione la pendenza di un giudizio per l'attribuzione della colpa della separazione non impedisce la definizione della sola separazione e l'avvio della domanda di divorzio, poiché è pacifico che “la richiesta di addebito, pur essendo proponibile solo nell'ambito del giudizio di separazione, ha natura di domanda autonoma”, presentata su iniziativa di parte e con causa petendi e petitum nettamente distinti rispetto alla domanda di scioglimento del vincolo matrimoniale.

 

(07/06/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Blue Whale Challenge: il gioco che uccide. Ecco i consigli della polizia
» Le cose che il fisco non ti può pignorare
» Affido condiviso: i figli restano nella casa familiare, saranno i genitori ad alternarsi
» Divorzio: in arrivo gli accordi prematrimoniali
» Guide Legali: L'incaricato di un pubblico servizio
In evidenza oggi
Avvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studioAvvocati: 15mila euro dalla Cassa per avviare lo studio
Violenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittimeViolenza donne: arriva il braccialetto obbligatorio per gli stalker e il risarcimento statale per le vittime
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF