Sei in: Home » Articoli

Breve durata del matrimonio e assegno divorzile al coniuge con potenzialita' lavorative compromesse a causa delle condizioni di salute.

coppia
Avv. Silvia Delcuratolo
E-mail: silvia.delcuratolo@libero.it
Il Tribunale di Palermo, dichiarando il divorzio tra due coniugi, aveva negato alla moglie il diritto all'assegno divorzile - nonostante ...l'evidente sproporzione esistente fra i redditi dei due ex-coniugi - perché il matrimonio aveva avuto breve durata e la moglie era proprietaria di un immobile destinato a propria abitazione e di altri due immobili, di cui uno era stato venduto per la somma di 70.000 euro.

La moglie, però, aveva proposto appello avverso la sentenza del Tribunale, rilevando che non erano state considerate le sue cattive condizioni di salute che non le consentivano la ripresa della attività lavorativa, mentre la somma rinvenuta dalla vendita dell'immobile non era a sua disposizione, in quanto restituita al padre per il prestito a suo tempo concessole per l'acquisto dell'immobile venduto.

La Corte di Appello palermitana che ha accolto parzialmente l'appello disponendo la corresponsione, in favore della moglie e a carico del marito, di un assegno mensile di 200 euro, rilevando come la sproporzione fra i redditi fosse prevalente rispetto alle disponibilità immobiliari della moglie, le cui potenzialità lavorative erano gravemente compromesse dalle condizioni di salute accertate mediante la consulenza tecnica d'ufficio medico-legale svolta.

Il marito ha, poi, proposto ricorso per Cassazione, ma questo è stato rigettato perché la Cassazione, con ordinanza n. 3365/2014, ha ritenuto inadeguati i mezzi della moglie e ha riconosciuto il suo diritto all'assegno divorzile, salvo tenere conto della breve durata del matrimonio al fine di determinarne l'entità.

La Corte ha altresì verificato che per la moglie non era possibile procurarsi con la propria attività lavorativa i mezzi necessari al fine di conservare un tenore di vita tendenzialmente assimilabile a quello goduto in costanza di matrimonio a causa delle sue condizioni di salute
Avv. Silvia DelcuratoloAvvocato civilista e matrimonialista Silvia Delcuratolo
Studio legale Verdebello - Delcuratolo
Via Don Luigi Guanella, 15/G - 70124 Bari - fax 080.5023763 - Mobile: 333.1790189
Sito internet: www.studiolegaleverdel.it - E-mail: silvia.delcuratolo@libero.it
(25/02/2014 - Avv.Silvia Delcuratolo)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF