Sei in: Home » Articoli

La moglie ricca ma malata ha diritto all'assegno divorzile.

sentenza bilancia
Avv. Barbara Pirelli del Foro di Taranto
E-mail: barbara.pirelli@gmail.com
"Il marito ideale rimane celibe". Molti ex mariti leggendo questa frase darebbero sicuramente ragione ad Oscar Wilde, perché quando si giunge alla separazione ci si pente di essersi sposati, perché i problemi si moltiplicano e le tasche si svuotano.
Di una ex moglie non ci si libera facilmente e questo deve averlo pensato anche quel marito che si è visto confermare dalla Corte di Cassazione , con la sentenza n. 3365 del 13 febbraio 2014, (così come aveva stabilito la Corte di Appello di Palermo) la corresponsione in favore della ex moglie dell'assegno divorzile pari ad euro 200 mensili.
La moglie in questione era proprietaria di immobili ma per motivi di salute non poteva svolgere alcuna attività lavorativa. Nonostante ciò il convincimento della Corte si è basato sulla sproporzione dei redditi tra l'uomo e la donna perché la stessa pur avendo delle proprietà immobiliari ,non potendo lavorare per motivi di salute ,aveva comunque un reddito inferiore a quello del marito.
In considerazione di ciò il marito si è visto obbligato a versare l' assegno divorzile in favore della moglie non completamente priva di redditi ma solo con redditi inferiori al marito. E' bastato questo per riconoscere alla donna l'assegno divorzile il cui scopo e' quello di garantire all'ex coniuge economicamente più debole la possibilità di mantenere lo stesso tenore di vita avuto in costanza di matrimonio. 



Avv. Barbara Pirelli del Foro di Taranto
Via Mignogna n.2 / 74100 Taranto
Tel. e fax 099.4539733.
E.mail barbara.pirelli@gmail.com
https://www.facebook.com/barbara.pirelli


Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/02/2014 - Avv. Barbara Pirelli)
Le più lette:
» Il reato di violenza privata
» Cassazione: non presentarsi all'udienza è remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Niente stupro se la vittima dice basta ma non urla
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Negoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invitoNegoziazione assistita: sanzione aggiuntiva a chi non risponde all'invito
Se Equitalia sbaglia paga spese e danniSe Equitalia sbaglia paga spese e danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF