Sei in: Home » Articoli

Moglie alcolizzata? Illegittimo l'addebito della separazione se il marito conosceva la situazione già prima delle nozze

coppia divorzio separazione

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione prima, sentenza n. 28228 del 18 Dicembre 2013. Va respinta la richiesta di addebito della separazione avanzata dal marito, fondata sulla circostanza che la moglie avrebbe sviluppato una grave forma di dipendenza dall'alcol – rendendo impossibile la prosecuzione di qualsiasi tipo di rapporto matrimoniale, materiale e affettivo – se tale tendenza era già nota allo stesso prima delle nozze

La domanda di addebito è stata rigettata in primo e in secondo grado ed il caso è finito dinanzi alla suprema Corte di Cassazione.

Gli Ermellini, respingendo il ricorso hanno ritenuto la questione infondata. Nella fase di merito il ricorrente non aveva dimostrato che la situazione patologica della moglie fosse a lui sconosciuta prima del matrimonio. Al contrario aveva affermato che la donna si era sempre opposta a sottoporsi a cure idonee; se, nonostante ciò, l'ha sposata, “le difficoltà successive non possono essere sicuramente poste a fondamento della pronuncia di addebito”. Così ha argomentato il giudice nella sentenza impugnata, e la Cassazione non ha ravvisato alcun difetto di motivazione. “La motivazione appare adeguata e logica, con esplicito richiamo agli obblighi di assistenza e comprensione verso l'altro coniuge in caso di malattia, e non è stata neppure specificamente censurata dal ricorrente”. La decisione del giudice d'appello viene quindi confermata.


Vai al testo della sentenza 28228/2013
(22/12/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF