Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si può revocare l'assegnazione della casa familiare se il figlio cessa la convivenza

coppia divorzio

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione sesta, ordinanza n. 24510 del 30 Ottobre 2013. Quali sono i criteri che inducono il giudice all'assegnazione della casa familiare all'uno o all'altro coniuge? In caso di separazione o divorzio, l'assegnazione della casa familiare ad uno dei due genitori avviene sulla base del preminente interesse dei figli: l'immobile spetta all'ex coniuge che convive con la prole, non importa se i figli abbiano raggiunto la maggiore età rilevando al contrario il loro grado di indipendenza economica. Ma quid iuris se, come nel caso in oggetto, il figlio convivente cessa la coabitazione rendendosi indipendente?

La c.d. “sezione filtro” della Suprema Corte ha dichiarato palesemente infondata l'opposizione dell'ex coniunge coabitante alla decisione, adottata dal giudice del merito, di revocare detta assegnazione di casa familiare per cessata convivenza del figlio a carico. Non solo: confermando la sentenza impugnata la Cassazione ha altresì legittimato la contestuale revoca dell'obbligo al versamento dell'assegno di mantenimento periodico a favore del figlio per intervenuta mutazione delle condizioni di fatto. Inoltre, l'accertamento della circostanza sopravvenuta di cessata coabitazione è elemento riservato al potere istruttorio del giudice del merito, il quale, motivando adeguatamente la propria decisione, resta libero nella sua prudente e discrezionale valutazione della prova. Essendo il ricorso palesemente infondato, la stessa sezione condanna il ricorrente all'integrale sopportazione delle spese di giudizio.

Vedi anche il tag:Casa familiare
Vai al testo dell'ordinanza 24510/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(31/10/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF