Sei in: Home » Articoli

Detersivi che provocano allergie al vicino: ipotesi del reato di molestia

condominio casa palazzo
di Luana Tagliolini -
Attenzione ai detersivi che provocano allergie ai vicini di casa: l'uso può integrare il reato di “molestia o disturbo delle persone”, punito con l'arresto sino a 6 mesi o con un'ammenda dell'importo massimo di 516,00 euro. 
Badare bene, quindi, alla scelta del detersivo con cui lavare le aree comuni e pertinenziali per evitare di incappare nel reato in questione. 
La Suprema Corte di Cassazione, sez. pen., sentenza n. 39197 del 23/09/2013 ha disposto, infatti, che “l'uso di tali detersivi, al pari di qualsiasi altro atto o atteggiamento che risulti molesto, se viene compiuto a tale solo scopo integra gli estremi della condotta prevista dall'art. 660 del codice penale”. Affinché si configuri il reato indicato è necessario utilizzare, per la pulizia delle aree comuni (o pertinenziali a quelli di proprietà), un prodotto di cui si abbia la consapevolezza della sua nocività per il vicino (è sufficiente che tale uso venga compiuto anche una sola volta, non occorrendo la ripetitività ed abitualità della condotta lesiva). In caso contrario mancherebbe la prova della volontà di nuocere o comunque di recare disturbo, elemento essenziale per la sussistenza del reato in parola. Lo stesso se quel detersivo fosse l'unico in commercio oppure l'unico capace di detergere nella maniera necessaria e/o manchi la prova della consapevolezza della nocività. Infatti, perché si configuri il reato di molestia è indispensabile, oltre alla nocività del bene e alla consapevolezza dell'attore, che tale uso sia compiuto al solo scopo di recare disturbo (a prescindere dalla motivazione della condotta delittuosa, quale il rancore, la vendetta, ecc.) ma lo punisce solo allorquando sia mosso da “ petulanza o altro biasimevole motivo”. La corte ha considerato il motivo “biasimevole” quando finalizzato esclusivamente a recar fastidio. E quindi solo in tale caso vi sarà molestia, ossia allorquando, coscienti che una certa condotta reca fastidio ad altri, pur potendola evitare, la si compie lo stesso proprio per tale “biasimevole motivo”, ossia esclusivamente per nuocere.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(01/10/2013 - Luana Tagliolini)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF