Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Cassazione: condominio, responsabilità da cose in custodia e doveri dell'amministrazione provinciale

condominio

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione Civile, sezione seconda, sentenza n. 10898 dell'8 Maggio 2013. Un condomino ha promosso azione di risarcimento del danno da infiltrazioni subite dalla propria unità immobiliare avverso il condominio, ritenendo che causa di dette infiltrazioni fosse una cattiva manutenzione del lastrico solare. Resiste e ricorre il condominio, il quale, nelle proprie difese, denuncia vizio di motivazione della sentenza di merito poiché il giudice non avrebbe tenuto conto della circostanza che di fatto il condominio sorgesse nelle vicinanze di un terrapieno, già esistente all'epoca della costruzione dello stabile e mai adeguato dall'amministrazione provinciale. Successivo espletamento di CTU avrebbe dimostrato che l'allagamento sarebbe derivato proprio dalla strada.

 

La Suprema Corte accoglie le doglianze del condominio segnalando come, ex art. 2051 cod. civ., sia dovere della pubblica amministrazione vigilare e regolare la portata dei beni pubblici relativamente alla loro funzione propria. Nel caso di specie l'amministrazione provinciale non ha mai provveduto a regolare il regime delle acque piovane nel nuovo collettore, causando di fatto un sovraccarico di acqua piovana a danno del condominio. “Si sottolinea che la responsabilità ex art. 2051 cod. civ. è applicabile anche nei confronti della provincia poiché responsabile della mancata custodia delle cose comuni o demaniali”. Nel momento in cui la pubblica amministrazione viene meno ai propri obblighi di diligenza e di prudenza e arreca danno a terzi, il relativo accertamento compete al giudice ordinario, il quale ha il potere di condannare l'amministrazione al risarcimento del danno ingiustamente provocato.

Vai al testo della sentenza 10898/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/05/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Stalking: gratuito patrocinio a prescindere dal reddito
» Regime dei minimi: com'era e com'è
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Negoziazione assistita senza notaio: Aiga, ora spazio agli avvocati
In evidenza oggi
Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungateCorrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate
Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF