Sei in: Home » Articoli

Cassazione: inammissibile il ricorso avverso il provvedimento che stabilisce le modalità di erogazione dell'assegno di divorzio

separazione

di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione, sezione prima, sentenza n. 9671 del 22 Aprile 2013. La legge 898/1970 (c.d. legge sul divorzio) all'art. 5 prevede la possibilità per l'ex coniuge economicamente più debole di ottenere da parte dell'altro il versamento di un contributo periodico a titolo di mantenimento. L'assegno di divorzio è dunque quel beneficio riconosciuto dall'ordinamento all'ex coniuge che mostra decisamente come gli effetti civili del matrimonio non cessino totalmente al troncarsi della relazione sul piano giuridico, ma continuino in qualche modo a produrre degli effetti. Nella sentenza di divorzio il giudice stabilisce l'obbligo a carico di uno dei due ex coniugi e ne quantifica l'entità. Se, successivamente, si verificano modificazioni tali da rendere necessario variare alcune statuizioni adottate con sentenza, il giudice adito si pronuncerà con decreto motivato il quale fisserà i mutamenti resisi necessari: nella fattispecie in oggetto le nuove modalità specifiche a mezzo delle quali l'assegno di divorzio deve essere corrisposto; cioè, attraverso la trattenuta diretta dell'assegno sulla pensione dell'ex coniuge onerato.

 

Il soggetto interessato può proporre reclamo avverso tale decreto. La Suprema Corte tuttavia ricorda come il provvedimento adottato in sede di reclamo, il quale confermi il decreto impugnato, non sia però ricorribile per Cassazione: il ricorso del debitore onerato, nel caso di specie, risulta quindi inammissibile.

L'art. 739 c.p.c., ultimo comma, esclude espressamente che i provvedimenti emessi in sede di reclamo, nell'ambito dei procedimento in camera di consiglio, possano formare oggetto di ricorso in Cassazione. Restano dunque esclusi anche tutti quei provvedimenti adottati con decreto che modificano le condizioni originarie dei rapporti tra gli ex coniugi divorziati.

Vai al testo della sentenza 9671/2013
(02/05/2013 - Avv.Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Licenziamento anche per l'assenza di pochi minutiLicenziamento anche per l'assenza di pochi minuti
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF