Sei in: Home » Articoli

Cassazione: figlio svogliato? Allora è legittima la revoca dell'assegno di mantenimento

assegno id9475
di Licia Albertazzi -  Corte di Cassazione Civile, sezione sesta, sentenza n. 7970 del 2 Aprile 2013.
L'assegno di mantenimento a favore del figlio, corrisposto dall'ex coniuge non convivente della coppia separata o divorziata, affonda la propria ragion d'essere nella tutela che l'ordinamento riserva all'interesse primario della prole. Oltre che per il figlio minorenne esso è dovuto anche per il maggiorenne che non abbia terminato gli studi e che, in ogni caso, non abbia ancora raggiunto la piena indipendenza economica. L'obbligo viene a mancare soltanto nel momento in cui tale condizione venga soddisfatta.

La revoca dell'obbligo a carico dell'ex coniuge alla corresponsione dell'assegno è valida soltanto a determinate condizioni. Occorre che il giudice, su domanda dell'interessato, verifichi che in effetti sia stata raggiunta l'indipendenza economica da parte del figlio o che comunque lo stesso, allo stato attuale, potrebbe senza dubbio raggiungerla.  

Sul punto la Cassazione interviene affermando, nella sentenza in oggetto, che il rifiuto immotivato del figlio maggiorenne a prestare un'attività lavorativa, anche se non rispondente alle sue aspirazioni, costituisce valido motivo di revoca dell'assegno. Esso infatti, raggiunta la maggiore età dell'interessato, continua ad essere erogato dal genitore soltanto in quei casi in cui il mancato impiego del figlio dipenda da causa a lui non imputabile e non, come in questo caso, da inerzia o rifiuto ingiustificato.

Tale situazione non opera tuttavia ipso iure ma occorre che sia provata in corso di regolare procedimento o, ancora, che l'estinzione dell'obbligo di versamento periodico dell'assegno derivi da accordo espresso tra il figlio e gli ex coniugi.
Vai al testo della sentenza 7970/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/04/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF