Sei in: Home » Articoli

Cassazione: reato mettere alla porta il coniuge

divorzio separazione lite
Cacciare di casa il coniuge è reato. Lo ricorda la quinta sezione penale della Cassazione che ha confermato una condanna inflitta precedentemente ad un 51enne di Palermo dalla Corte d'appello della capitale siciliana.

L'uomo in realtà è stato ritenuto responsabile di una serie di reati (dalla violenza privata, alle lesioni personali finanche al danneggiamento e alle ingiurie ai danni della moglie). Come ricostruiscono i giudici della Corte, nonostante al momento dell'atto la moglie volesse tornare a casa soltanto temporaneamente per trascorrere del tempo con il figlio (la donna già risiedeva dai propri genitori in attesa del verdetto definitivo del tribunale) l'ex marito non aveva voluto accettare quel rientro in casa e l'aveva messa alla porta.

Come se non bastasse aveva reagito alle proteste dell'ex moglie con un pugno al costato e una manata sul viso. L'uomo ha inoltre, durante il litigio, distrutto alcuni beni in comunione tra i due.

L'uomo aveva cercato di difendersi sostenendo che la sua ex non avesse alcun diritto di rientrare in casa dato che si era trasferita temporaneamente dai genitori e quindi la casa familiare era rimasta nel suo uso esclusivo. Di diverso avviso la suprema corte (sentenza n. 40383/2012) secondo cui la donna aveva invece diritto a entrare ed uscire dall'abitazione familiare quando voleva e il marito non aveva quindi alcun diritto di escluderla dalla casa coniugale.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/10/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Pensioni pagate in più, l'Inps non può chiedere indietro i soldi
» Avvocati: al via la petizione contro la Cassa forense
» In bus senza biglietto: non scendere è reato
» Casalinga quarantenne: sì al mantenimento anche se in grado di lavorare
» Il padre anziano può regalare il patrimonio agli amici anziché lasciarlo alle figlie
In evidenza oggi.
Avvocati: al via la petizione contro la Cassa Forense
Parte da Catania la petizione contro i costi della Cassa Previdenza Forense
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF