Sei in: Home » Articoli

Cassazione: alcoltest ed elementi probanti

ebrezza ebbrezza alcol alcool
La Corte di Cassazione con sentenza 13 luglio 2012, n. 28388 ha accolto il ricorso di un automobilista che i giudici di merito avevano condannato per guida in stato di ebbrezza ex art. 186 CdS. Esaminando la vicenda la corte fa notare che, la prova della responsabilitÓ dell'imputato, tratta dalle risultante dell'alcoltest, non ha tenuto conto dell'assunzione di farmaci da parte dello stesso, costretto all'assunzione di siffatti medicinali da una patologia cronica. I risultati, alterati al momento dell'effettuazione del test da uno sbalzo metabolico conseguente all'assunzione dei farmaci, non sono stati supportati da una valutazione di circostanze pertinenti e rilevanti. Infatti non Ŕ sufficiente richiedere il deposito della documentazione che attesta la regolaritÓ dell'etilometro. La Suprema Corte fa anche notare che i giudici di merito hanno sempre l'obbligo di valutare ogni circostanza rilevante ai fini del decidere. L'imputato aveva era stato condannato a pagare una multa sia in primo grado sia dopo il giudizio d'Appello e per questo si era rivolto alla Suprema Corte facendo notare che l'esito positivo dell'alcol test era dovuto solo al fatto che da tempo doveva assumere alcune medicine per la cura di una malattia cronica.
Tali medicine avevano quindi influenzato il risultato dell'alcol test il cui esito positivo non era quindi da ricondurre a uno stato di ebbrezza.
(25/07/2012 - L.S.)

Normativa su questo argomento:
Tutti i codici on line

Le pi¨ lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietÓ post-coniugale
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
In evidenza oggi
Per amici e parenti l'avvocato pu˛ anche lavorare gratisPer amici e parenti l'avvocato pu˛ anche lavorare gratis
Animali in condominio: gli odori sgradevoli sono reatoAnimali in condominio: gli odori sgradevoli sono reato
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF