Sei in: Home » Articoli

Adiconsum: attentato Brindisi, destinare soldi ad attività di formazione e informazione contro le mafie

adsiconsum
"Unire le forze sane del Paese per affermare la cultura della legalità e della solidarietà”, è quanto dichiarato da Pietro Giordano di Adiconsum: l'associazione ha chiesto al Ministero dello Sviluppo Economico di recapitare quanto guadagnato dalle sanzioni comminate alle aziende ad attività di formazione e di informazione contro le mafie ed il terrorismo su tutto il territorio nazionale.

Pietro Giordano ha continuato dicendo che le “bestie” che hanno commesso l'orrendo crimine di Brindisi vanno prese e consegnate alla giustizia, e tutto il Paese dovrebbe unirsi ancora una volta per combattere mafia e terrorismo; quanto accaduto alla scuola Falcone Morvillo richiamerebbe alla mente, secondo il segretario di Adiconsum, i vili attentati ai Magistrati e agli uomini dello Stato che combatterono la mafia.

“L'Italia non può dimenticare e non dimentica la violenza che da decenni tiene sotto il tacco dello sfruttamento, della corruzione, del controllo illegale del territorio, dell'annullamento di intere generazioni attraverso la droga e l'alcool.”, ha proseguito Giordano, secondo il quale le associazioni dei consumatori dovrebbero unirsi contro “ la logica della violenza, del sopruso, che tenta di uccidere il convivere comune, la Democrazia, l'economia e la società”.

Oltre a destinare parte delle multe operate nei confronti delle aziende alle suddette attività di formazione e informazione contro le mafie, lo Stato dovrebbe avvalersi anche di tutte le risorse dell'Authoriy dell'energia non spese a favore dei consumatori.

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(23/05/2012 - Andrea Proietti)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF