Sei in: Home » Articoli

Cassazione: ritardo nel pagamento dell'indennità sostitutiva della reintegrazione, il datore è tenuto al pagamento delle retribuzioni perdute

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 21421 del 17 ottobre 2011, ha affermato che nel caso di scelta, da parte del lavoratore illegittimamente licenziato, dell'indennità sostitutiva della reintegrazione ai sensi dell'art. 18, comma 5, della L. n. 300 del 1970, come modificato dalla L. 11 maggio 1990, n. 108, fino all'effettivo pagamento dell'indennità il datore è obbligato a pagare le retribuzioni globali di fatto. In particolare la Suprema Corte ha precisato che il sistema dell'art. 18 citato si fonda sul principio di effettiva realizzazione dell'interesse del lavoratore a non subire, o a subire al minimo, i pregiudizi conseguenti al licenziamento illegittimo e che impedisce al datore di lavoro di tardare il pagamento dell'indennità sostitutiva assoggettandosi al solo pagamento di rivalutazione e interessi ex art. 429 c.p.c. Nel caso preso in esame dalla Corte, due lavoratori avevano optato, a seguito della sentenza del Tribunale che dichiarava illegittimo il loro licenziamento, per l'indennità sostitutiva, corrispondente a 15 mensilità, in luogo della reintegrazione; tale indennità veniva corrisposta dal datore di lavoro molto tempo dopo l'esercizio dell'opzione e i lavoratori chiedevano, quindi, l'ulteriore pagamento di quanto maturato fino alla data dell'effettivo adempimento dell'obbligazione. Posto che la scelta dell'indennità sostitutiva da parte del lavoratore è irrevocabile e che il rapporto di lavoro non può essere ricostituito, l'ammontare del risarcimento del danno da ritardo - affermano i giudici di legittimità - deve essere pari alle retribuzioni perdute, fino a che il lavoratore non venga effettivamente soddisfatto. Inoltre evidenzia la Suprema Corte che il principio di effettività dei rimedi giurisdizionali, espressione dell'art. 24 Cost. significa che il rimedio del risarcimento del danno sopportato dal lavoratore per ritardato percepimento dell'indennità sostitutiva ex art. 18, deve ridurre il più possibile il pregiudizio subito dal lavoratore e, in corrispondenza, distogliere il datore di lavoro dall'inadempimento o dal ritardo nell'adempiere l'obbligo indennitario.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/10/2011 - L.S.)
Le più lette:
» In arrivo il "congedo mestruale"
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Autovelox: nei centri abitati serve la pattuglia
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF