Sei in: Home » Articoli

Alimenti pericolosi: l'esclusione della responsabilitÓ penale del gestore di catena di punti vendita

Un caso di delega di funzioni ammesso dalla recente giurisprudenza penale
supermercato id14471

Avv. Edoardo Di Mauro - Il codice penale stabilisce che chi mette in vendita alimenti pericolosi per la salute Ŕ punibile con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa non inferiore ad euro 51 (art. 444 c.p.).

Il caso del gestore di catena alimentare

Esaminiamo una vicenda che vede coinvolto un gestore di catena alimentare e nella specie di punti vendita/macelleria gestiti autonomamente da terzi sulla base di accordo commerciale.

In una delle macellerie sono riscontrate gravi carenze igienico sanitarie e vengono rinvenute delle polpette tenute a temperature ambiente e che a seguito di analisi del competente laboratorio zooprofilattico evidenziano al presenza di salmonella spp, germe patogeno per l'uomo.

Il legale rappresentante della catena di macellerie pu˛ essere ritenuto penalmente responsabile?

La Corte di Cassazione dice di no

La responsabilitÓ per il rispetto dei requisiti igienico sanitari infatti va individuata all'interno della singola struttura aziendale e quindi in capo al singolo gestore della macelleria. E non Ŕ necessaria nemmeno la prova di una delega scritta. (Cass. Pen. sez. III 40324/2016)

Con questa pronuncia si chiarisce il concetto che il rappresentante di una societÓ che gestisce una catena di supermercati potrebbe essere ritenuto responsabile solo nell'ipotesi di omissione di adozione del manuale di autocontrollo per tutta la catena.

Avv. Edoardo Di Mauro

Consulenza penale online:

edodim83@gmail.com

tel. 333 4588540

Cassazione, sentenza n. 40324/2016
Edoardo Di MauroEdoardo di Mauro - articoli
E-mail: edodim83@gmail.com
Avvocato, si occupa di diritto amministrativo, penale, contratti, diritto dell'informatica ed internet.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/02/2017 - Edoardo Di Mauro)
Le pi¨ lette:
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Cassazione: non presentarsi all'udienza Ŕ remissione tacita di querela
» Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
In evidenza oggi
Colpo di frusta: niente risarcimento senza TacColpo di frusta: niente risarcimento senza Tac
Stalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero creditiStalking bancario: reato anche per l'incaricato dell'agenzia di recupero crediti
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF