Il conducente ubriaco non è proprietario dell'auto? Niente raddoppio della pena

Per la Cassazione non è possibile ritenere che il regime sanzionatorio della sospensione della patente possa mutuarsi dall'art. 186, co. 2, lett. c), del Codice della Strada
Uomo in stato di ebrezza fermato dalla polizia

di Valeria Zeppilli – La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 11402/2016 (qui sotto allegata), ha posto un altro interessante tassello nel quadro interpretativo della disciplina relativa agli accertamenti mediante alcoltest

Il ricorso, in particolare, era stato proposto dal procuratore generale presso la Corte di appello de L'Aquila avverso la sentenza con la quale il Tribunale di Pescara, nell'applicare una pena concordata per il reato di rifiuto sottoporsi all'esame alcolemico, non aveva considerato che nel caso di specie si sarebbe dovuto prevedere il raddoppio della sanzione amministrativa, dato che il veicolo condotto in stato di ebbrezza non era di proprietà del conducente.

Come ricordato dalla Corte, dopo la proposizione del ricorso della vicenda si sono occupate le Sezioni Unite, chiamate a chiarire se, nel caso di rifiuto a sottoporsi all'esame alcolemico, il rinvio operato all'art. 186, comma 2, lettera c) del codice della strada è limitato al trattamento sanzionatorio previsto per la fattispecie più grave di guida in stato di ebbrezza o è esteso anche alla previsione del raddoppio della durata della sospensione della patente di guida se il veicolo appartiene a persona estranea al reato.

Tale contrasto è stato risolto dalle sezioni unite, con la sentenza numero 46624/2015, adottando la soluzione negativa. Ciò in ragione delle modifiche apportate alla formulazione originaria del comma sette dell'articolo 186 dal decreto legge numero 92/2008 e del fatto che oggi, in conseguenza, il dato letterale della norma tiene ben distinti il rinvio alle pene di cui al comma 2, lettera c) e quello alle modalità e procedure previste dal comma 2, lett. c).

Così, non è possibile ritenere che il regime sanzionatorio concernente la sanzione accessoria della sospensione della patente di guida possa mutuarsi dall'articolo 186, comma 2, lett. c) del codice della strada.

Insomma: per le Sezioni Unite, quando il legislatore ha determinato la sanzione amministrativa della sospensione della patente di guida prevedendo limiti edittali superiori rispetto a quelli indicati nell'articolo 186, comma 7, lo ha fatto esplicitamente, lasciando così presumere ragionevolmente che, nella fattispecie in esame, vi sia stata una precisa scelta di non procedere a un rinvio ad altra norma.

Forte di tale interpretazione, quindi, la Cassazione, con la sentenza dello scorso 17 marzo, non ha ritenuto meritevoli di accoglimento le doglianze proposte dal ricorrente.

Corte di cassazione testo sentenza n. 11402/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(20/03/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito
Le più lette:
» L'impugnazione delle delibere condominiali - guida con fac-simile
» Trattare la moglie come una colf è reato ...
» Addio multa se manca la ricevuta che attesta la ricezione della CAD
» Remissione tacita di querela se la persona offesa avvertita dal giudice è assente in udienza
» Armi: come dimostrare al giudice di essere un soggetto affidabile se viene respinta l'istanza di rilascio della licenza per fucile

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin