Diritto Penale

Depenalizzazione: se "cade" uno dei due reati, è il giudice del rinvio a rivedere la pena per il secondo

La Cassazione annulla la condanna per l'ex reato di danneggiamento semplice e rinvia al giudice di merito per ricalibrare la sanzione in ordine al delitto di minaccia
sentenza bilancia martello giustizia

di Valeria Zeppilli – Le porte delle aule di giustizia sono ormai ufficialmente aperte alla recente depenalizzazione

Un mese è stato sufficiente per iniziare a percepire in maniera significativa le conseguenze del decreto legislativo numero 7/2016, entrato in vigore il 6 febbraio scorso. 

Si pensi, ad esempio, alla sentenza numero 8839/2016, depositata dalla seconda sezione penale della Corte di cassazione il 3 marzo 2016 (qui sotto allegata): con essa i giudici hanno accolto il ricorso presentato da un imputato avverso la sentenza con la quale il Tribunale di Cosenza, avvalorando quanto già statuito dal Giudice di pace della medesima città, lo aveva condannato per i reati di minaccia e danneggiamento non aggravati

La pena inflittagli era quella della multa di 1.833,34 euro e del risarcimento del danno alla parte civile. 

L'imputato, in particolare, chiedeva di essere sollevato dalla condanna per danneggiamento facendo leva sul fatto che il giudice del merito avrebbe errato nel non dichiarare l'improcedibilità dell'azione per difetto di querela

Ma non è necessario per il ricorrente sforzarsi in tal senso: alla luce dell'intervenuta depenalizzazione della fattispecie nei casi, come quello di specie, in cui essa non sia connotata da violenza o minaccia alla persona o comunque per altra ragione aggravata, il fatto di per sé non è più previsto dalla legge come reato.

L'abrogazione del reato di danneggiamento, quindi, comporta l'annullamento della parte della sentenza che lo riguarda, con rinvio limitatamente al trattamento sanzionatorio: la condanna per minacce, infatti, resta nonostante le doglianze del ricorrente e il giudice del merito deve rimodulare la pena base, fissata ritenendo più grave il danneggiamento. 

Corte di cassazione testo sentenza numero 8839/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
bulletRichiedi una consulenza personalizzatabullet
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(05/03/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF