Niente decurtazione punti dalla patente per chi ha impugnato il verbale e non vuole indicare chi era alla guida

In base a una circolare del Ministero dell'Interno chi impugna il verbale di contestazione pu˛ omettere di indicare le generalitÓ del conducente
auto blu strada rc autovelox
di Lucia Izzo - Va dichiarato nullo il verbale che taglia i punti sulla patente se sul precedente verbale da cui Ŕ scaturita la seconda contestazione, grava un ricorso di opposizione: ci˛ significa che se l'automobilista multato viene invitato a dichiarare il nome della persona alla guida al momento della contravvenzione, ma sceglie di ricorrere contro l'"invito", non Ŕ possibile elevargli un secondo verbale per contestargli il non aver risposto e decurtargli punti dalla patente di guida.

Lo ha stabilito la sentenza 177/2015 con cui il giudice di pace di Poggio Mirteto ha accolto il ricorso di un automobilista difeso dall'avv. Donatella Rossi.
Il giudice ha annullato il verbale che decurtava i punti sulla patente del conducente, richiamando a sostegno della decisione una circolare del Ministero dell'Interno secondo cui, "tenuto conto della posizione della Corte Costituzionale e di una prassi alla quale da tempo sono prevalentemente orientati gli uffici della polizia stradale", deve ritenersi che "la presentazione di un ricorso avverso il verbale di contestazione costituisca un giustificato e documentato motivo di omissione dell'indicazione della generalitÓ del conducente".

Pertanto l'invito a fornire le generalitÓ del conducente andrÓ notificato nuovamente soltanto quanto si sia esaurita definitivamente il procedimento giurisdizionale relativo al verbale presupposto, essendo indifferente se l'opposizione sia stata accolta o meno.
Vanno quindi "riaccreditati" all'automobilista i punti erroneamente sottratti.
(14/02/2016 - Lucia Izzo)
Le pi¨ lette:
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i pi¨ celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Avvocati: albi online senza segreti
» Condominio: multe fino a 2.500 euro per chi non adegua i termosifoni
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Tribunale degli Animali: gli avvocati a difesa dei "pelosi" dopo il divorzio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF