Utility giuridiche on line

 
 
[Torna alla home] [Tutte le notizie]

Data: 05/09/2005
Notizia inserita da: Cristina Matricardi

Home | Prima pagina | Cronaca | Economia | Politica | Esteri

Calcolatrice interessi | Danno biologico | Tassazione atti  | Prendi le notizie  |  Recensioni

La privacy nelle riprese televisive

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 19 luglio 2005) ha reso noto di aver affrontato il caso di una donna ripresa dalle telecamere durante un processo penale mandato in onda nel corso di una trasmissione televisiva e che le sue immagini (che la ritraevano mentre reagiva alla richiesta di condanna nei confronti della persona a cui era allora legata sentimentalmente), furono ritrasmesse a distanza di 16 anni. L'Autorit ha stabilito che giornali e TV non hanno il diritto di bloccare l'identit di una persona a episodi di anni e anni fa, soprattutto quando si tratta di persone non protagoniste principali dei fatti. Nel provvedimento, per il caso in questione, il Garante evidenzia come esista, per l'interessata, il diritto di non essere pi ricordata pubblicamente, a distanza di molti anni, per quell'episodio della sua vita e che la riproposizione di un delicata vicenda giudiziaria e personale ha leso il suo diritto di veder rispettata la propria rinnovata dimensione sociale e affettiva cos come essa si venuta definendo successivamente alla vicenda. Il Garante ha infine richiamato il cosiddetto "diritto all'oblio" e ha osservato che le riprese effettuate consentono, per la loro tipologia, il riconoscimento della donna e inoltre che le immagini trasmesse, la cui liceit era stata contestata gi a suo tempo dall'interessata, non rispettano il principio dell'essenzialit dell'informazione riguardo a fatti di interesse pubblico poich si riferiscono ad una persona estranea al processo e poi collegata alla vicenda solo in virt della relazione sentimentale, successivamente emersa, con uno degli imputati.


Altri contenuti

    

 

 Contatti