Utility giuridiche on line

 
 
[Torna alla home] [Tutte le notizie]

Data: 27/05/2005
Notizia inserita da: Cristina Matricardi

Home | Prima pagina | Cronaca | Economia | Politica | Esteri

Calcolatrice interessi | Danno biologico | Tassazione atti  | Prendi le notizie  |  Recensioni

Cassazione: lesione del diritto del coniuge alla sessualitÓ e diritto al risarcimento

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 9801/2005) ha stabilito che "la sessualitÓ costituisce uno degli essenziali modi di espressione della persona umana, che va ricompreso tra le posizioni soggettive direttamente tutelate dalla Costituzione ed inquadrato tra i diritti inviolabili della persona umana che l?art. 2 Costituzione impone di garantire". I Giudici hanno inoltre aggiunto che Ŕ "l'omessa informazione ad integrare l'illecito, quale fatto violativo dell'obbligo di lealtÓ"; illecito derivante dalla lesione del diritto fondamentale del coniuge a realizzarsi pienamente nella famiglia, nella societÓ ed eventualmente come genitore. I Giudici di Piazza Cavour hanno precisato che tale comportamento costituisce "una violazione della persona umana intesa nella sua totalitÓ, nella sua libertÓ dignitÓ, nella sua autonoma determinazione al matrimonio, nelle sue aspettative di armonica vita sessuale, nei suoi progetti di maternitÓ, nella sua fiducia in una vita coniugale fondata sulla comunitÓ, sulla solidarietÓ e sulla piena esplicazione delle proprie potenzialitÓ nell?ambito di quella peculiare formazione sociale costituita dalla famiglia, la cui tutela risiede negli articoli 2, 3, 29 e 30 Costituzione". Infine, la Corte ha precisato che la lesione del diritto alla sessualitÓ "vale a qualificare il danno subito in termini di ingiustizia, mentre restano da accertare le conseguenze pregiudizievoli alla medesima derivate sia sotto il profilo patrimoniale che del danno non patrimoniale".


Altri contenuti

    

 

 Contatti