Utility giuridiche on line

 
 
[Torna alla home] [Tutte le notizie]

Data: 24/05/2005
Notizia inserita da: Cristina Matricardi

Home | Prima pagina | Cronaca | Economia | Politica | Esteri

Calcolatrice interessi | Danno biologico | Tassazione atti  | Prendi le notizie  |  Recensioni

Cassazione: Telelaser omologato: la misurazione Ŕ legittima anche senza foto

La Corte di Cassazione (Sent. n. 943/2005) ha stabilito che "ai fini dell'applicazione di sanzioni amministrative per eccesso di velocitÓ deve ritenersi legittima la misurazione effettuata mediante apparecchio telelaser omologato, secondo il disposto dell'art. 142 comma 6 del codice della strada", anche in assenza di dispositivi che forniscano una documentazione fotografica dell'accertamento dell'infrazione. I Giudici hanno affermato che "la norma primaria fissa il principio che le risultanze di apparecchiature debitamente omologate costituiscono fonti di prova per la determinazione dell'osservanza dei limiti di velocitÓ, mentre la disposizione regolamentare di cui all'art. 345, cui la prima fa rinvio (conformemente alla norma generale di rinvio di cui all'art. 45 n. 6), richiede che le apparecchiature elettroniche di controllo della velocitÓ, per poter essere omologate, siano tali da fissare la velocitÓ del veicolo in un determinato momento in modo chiaro ed accertatile, siano inoltre gestite direttamente dagli organi di polizia stradale di cui all'art. 12 del codice della strada e sianonella disponibilitÓ di detti organi. NŔ l'una nŔ l'altra di tali disposizioni richiede pertanto che esse siano munite di dispositivi che forniscano una documentazione fotografica dell'accertamento dell'infrazione, cosý da identificare in via automatica e senza l'intervento dell'uomo il veicolo cui l'accertamento stesso si riferisce". Infine la Corte ha ricordato che "l'accertamento della violazione delle norme relative alla velocitÓ deve ritenersi provato sulla base della verbalizzazione dei rilievi delle apparecchiature omologate, facendo peraltro prova il verbale sino a querela di falso dell'effettuazione dei rilievi stessi, mentre le risultanze di essi costituiscono fonti di prova suscettibile di prova contraria, che pu˛ essere fornita dall'opponente con la dimostrazione del difetto di funzionamento del dispositivo, sulla base di concrete circostanze di fatto".


Altri contenuti

    

 

 Contatti