Utility giuridiche on line

 
 
[Torna alla home] [Tutte le notizie]

Data: 18/02/2005
Notizia inserita da: Cristina Matricardi

Home | Prima pagina | Cronaca | Economia | Politica | Esteri

Calcolatrice interessi | Danno biologico | Tassazione atti  | Prendi le notizie  |  Recensioni

Cassazione: un chilo e mezzo di cocaina pu˛ non essere considerata ingente quantitÓ

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 49085/2004) ha stabilito che "la quantitÓ di Kg. 1,5 circa di cocaina pura, pari a 10,442 dosi droganti, non integra di per se un quantitativo ingente ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 80 comma 2 D.P.R. n. 309 del 1990, a meno che in relazione alle caratteristiche dell'offerta di droga, alla sua capacitÓ di diffusione e alle condizioni di assorbimento del mercato di riferimento esso determini in concreto un pericolo alla salute pubblica di elevata intensitÓ". I Giudidi di Piazza Cavour hanno precisato che "il dato quantitativo, considerato nella sua nuda oggettivitÓ, realizza la fattispecie descritta dall'art. 80 comma 2 D.P.R. n. 309 del 1990 solo quando esso appaia di per sŔ esorbitante rispetto alla normale fenomenica del traffico di stupefacente, cosý da rappresentare un gravissimo pericolo per la salute pubblica in relazione al grande numero, in assoluto, dei possibili consumatori" e che "quando invece l'aspetto ponderale non si presenti in termini di eccezionalitÓ, come nel caso di specie, deve operarsi una valutazione della quantitÓ e della qualitÓ della droga rispetto alla salute pubblica tenendo conto del contesto, in relazione all'offerta di droga, alla sua capacitÓ di diffusione e alle condizioni di assorbimento del mercato di riferimento". Con questa decisione i Giudici hanno cancellato l'aggravante che era stata applicata ad uno spacciatore condannato a sette anni di reclusione e a 30.000 Euro di multa per detenzione a fini di spaccio di un chilo e mezzo di cocaina pura nella periferia della Capitale.


Altri contenuti

    

 

 Contatti