Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

CNF: Avvocati in attesa per ripristino tariffe minime ma clienti protestano per parcelle 'astronomiche'

Ad distanza di alcuni anni dall'eliminazione delle tariffe minime ad opera del cd. “decreto-Bersani”, il caro parcelle divide avvocati e clienti. Mentre le associazioni che tutelano i consumatori continuano a ricevere segnalazioni in merito a richieste di parcelle “astronomiche”, gli avvocati denunciano l'abolizione delle tariffe minime che, secondo la categoria, ha avuto l'effetto di abbassare di tanto la qualità del servizio. Come fa sapere il Consiglio Nazionale Forense “abbiamo proposto nella riforma forense il ripristino delle tariffe minime vincolanti, dopo l'abolizione da parte del decreto Bersani, come garanzia della qualità della prestazione, anche se per legge il compenso è sempre stabilito liberamente dalle parti.
Come abbiamo spiegato in commissione Giustizia alla Camera, in occasione dell'audizione sulla riforma forense, la giurisprudenza comunitaria e italiana hanno sempre ritenuto legittimo il sistema tariffario, che quindi non è contro l'Europa (…) Ci risulta poi che - spiegano in conclusione dal Consiglio nazionale forense - che l'abolizione dei minimi tariffari non abbia avvantaggiato il singolo consumatore, quanto banche e assicurazioni, che hanno potuto rivedere al ribasso le convenzioni con i loro avvocati”.
Altre informazioni sull'argomento (in una scheda Adnkronos le interviste Labitalia di Maurizio De Tilla, Carlo Rienzi, Francesco Caia, Pietro Giordano)
(06/04/2011 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Avvocati anti crisi: divorzi a 200 euro
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Il falso ideologico
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF