Sei in: Home » Articoli

Cassazione: no al riconoscimento dello sconto di pena in automatico in ogni processo ai collaboratori di giustizia

Con la sentenza n. 12738/2011 la seconda sezione penale della Corte di cassazione ha stabilito che la status di collaboratore di giustizia non fa scattare lo sconto di pena in ogni processo, in automatico. Gli Ermellini hanno enunciato questo principio di diritto rigettando il ricorso di Brusca, collaboratore di giustizia, con cui richiedeva l'applicazione delle attenuanti generiche per aver contribuito a porre in essere un sequestro di armi. Il Palazzaccio rigettando il ricorso ha spiegato che “non ha alcun rilievo il fatto che Brusca sia un collaboratore di giustizia, che non è uno status che impone in ogni processo l'attribuzione dell'attenuante (…). L'applicazione dello sconto di pena si dovrebbe applicare “solo nell'ipotesi che l'imputato si fosse adoperato per evitare che l'attività delittuosa sia portata a conseguenze ulteriori e abbia coadiuvato concretamente gli organi inquirenti nella raccolta degli elementi decisivi per la ricostruzione dei fatti e per la cattura degli autori dei delitti”.
Altre informazioni sulla sentenza
(03/04/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
» Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Il TFR in busta paga - Guida con fac-simile di richiesta
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Cannabis terapeutica: sì della CameraCannabis terapeutica: sì della Camera
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF