Sei in: Home » Articoli

Aiazzone, Fiditalia accetta stop a rate

Il crac di Aiazzone, la società del mobile di Gianmauro Borsaro e Mauro Semeraro, che ha lasciato dietro di sé tanti debiti e migliaia di famiglie inferocite, ha smosso l'opinione pubblica, soprattutto dopo che alcuni servizi de “Le Iene” avevano messo in luce il carattere di truffa di tutta l'azienda, che oltre a non inviare i mobili alle famiglie che avevano pagato, non aveva neanche corrisposto gli stipendi ai numerosi dipendenti. Una delle lamentele degli acquirenti truffati era quella di dovere continuare a pagare le rate della finanziaria, che avevano accesso per pagare i mobili, sebbene non li avessero mai ricevuti. Fiditalia, la società finanziaria che aveva anticipato i soldi per gli acquisti dei mobili, si è, quindi, trovata nella spiacevole situazione di dovere richiedere il dovuto, in mancanza di mobili effettivamente spediti. Sollecitata da Codacons e da numerose richieste da parte dei consumatori, Fiditalia ha deciso di accettare lo stop alle rate ancora da versare, per mobili mai ricevuti, e la restituzione delle rate già versate. La scorsa settimana, Codacons aveva fatto presente come fosse già previsto da una direttiva europea, in questi casi, la restituzione delle rate e lo stop per i pagamenti successivi. Una vittoria dei consumatori, che non potrà cancellare la vergogna della truffa attuata da Aiazzone.
(17/03/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF