Sei in: Home » Articoli

Cassazione: è del giudice ordinario la giurisdizione sui provvedimenti discriminatori della pubbliche amministrazioni

Spettano al giudice ordinario le controversie relative all'impugnazione dei provvedimenti amministrativi discriminatori. Investita della questione in seguito alla proposizione del regolamento di giurisdizione, le Sezioni Unite di Piazza Cavour, con l'ordinanza n. 3670 depositata il 15 febbraio 2011, ha stabilito che, trattandosi di diritti soggettivi assoluti (come emerge limpidamente dal quadro costituzionale e sovranazionale di riferimento), i provvedimenti di natura discriminatoria delle Pubbliche amministrazioni devono ritenersi emessi in carenza di potere in assoluto: pertanto tale circostanza giustificherebbe il ricorso al giudice ordinario. La questione sottoposta alla Suprema Corte si riferisce al ricorso di due immigrati e una nota associazione che avevano impugnato una delibera del Comune di Brescia discriminatoria perchè in quanto assoggettava la concessione del cd. “bonus bebè”, alla cittadinanza italiana, restringendo la concessione di tale beneficio ai cittadini stranieri.
(05/03/2011 - Luisa Foti)
In evidenza oggi:
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Avvocati matrimonialisti, boom di matrimoni tra over70 e badanti
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss