Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il verbale di conciliazione non sottoscritto dal rappresentante sindacale alla presenza ed in contestualità con il lavoratore non è valido

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 3237 del 10 febbraio 2011, ha affermato che il verbale di conciliazione, relativo alla conclusione di un rapporto di lavoro, è da ritenersi non valido, agli effetti dell'articolo 411 cpc, se manca la sottoscriscrizione del rappresentante sindacale alla presenza ed in contestualità con il lavoratore. In particolare la Suprema Corte, rigettando il ricorso di una società – la quale sosteneva che il verbale di conciliazione, ancorché non sottoscritto in sede sindacale, non è privo del suo valore –, ha confermato la decisione della Corte di merito che, con accertamento di fatto adeguatamente motivato e pertanto sottratto al sindacato di legittimità, ha escluso l'effettuazione di quella funzione di supporto che la legge assegna al sindacato nella fattispecie conciliativa.
Correttamente, quindi, è stato non ritenuto qualificabile l'atto conciliativo agli effetti di cui all'articolo 411 cpc.
(14/02/2011 - L.S.)
In evidenza oggi:
» Avvocati anti crisi: divorzi a 200 euro
» Cassazione: addio mantenimento se il figlio non cerca lavoro
» A che età si può andare in pensione: guida con tabelle semplificative
» Il falso ideologico
» Resto al Sud: 200mila euro da gennaio ai giovani


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF