Sei in: Home » Articoli

Governo: in vigore fondo under 35 per prima casa

Secondo quanto rende noto il Governo, dal 18 febbraio 2011 sarà in vigore il Regolamento del Fondo per l'acquisto della prima casa. Destinato a giovani coppie o nuclei famialirai monogenitoriali con figli minori (con priorità per i componenti disoccupati con lavoro a tempo determinato), il Fondo è pari a 4 milioni di euro per l'anno 2008 e 10 milioni di euro per ciascun anno 2009 e 2010. Il Governo precisa che all'atto di presentazione della domanda, devono essere indicati i requisiti per accedere al fondo: età inferiore a 35 anni, (per le coppie il requisito dell'età non deve essere superato da entrambi i coniugi), un isee inferiore a 35.000 euro, il 50% del reddito complessivo imponibile ai fini Irpef, deve provenire da contratto da lavoro dipendente a tempo indeterminato, la cifra complessiva del mutuo deve superari i 200.000 euro. I giovani che usufruiranno del Fondo non devono risultare proprietari di altro immobile ad uso abitativo (ad ecceione di quelli di cui il Mutuatario abbia acquistato la proprietà per successione a causa di morte, anche in comunione con altro successore, e che siano in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli). Il comunicato del Governo precisa inoltre che un'altro requisito per essere ammessi al fondo prevede che l'immobile da acquistare per essere adibito ad abitazione principale non deve rientrare nelle categorie catastali A1, A8 e A9 e non deve avere una superficie superiore a 90 metri quadrati.
(nella concessione della garanzia viene data priorità ai casi nei quali l'immobile sia situato in aree a forte tensione abitativa e non deve avere le caratteristiche di abitazione di lusso). Per ulteriori informazioni, www.governo.it.
(10/02/2011 - Luisa Foti)

In evidenza oggi:
» Avvocati e privacy: basta una sola informativa
» Le norme anti-divano del reddito di cittadinanza
» La guida in stato di ebbrezza
» Cellulari: lo Stato deve informare sui rischi per la salute
» Esami avvocato, praticante ricorre e gli abbassano il voto, il Cds conferma
Newsletter f g+ t in Rss