Sei in: Home » Articoli

Niente più telefonate marketing a casa: arriva la “lista delle opposizioni”

callcenter id9665
Negli ultimi anni si sono moltiplicate le aziende che compiono campagne di telemarketing, per effetto di una maggiore concorrenza nei vari settori dell'economia, soprattutto nei servizi, in cui l'utente-consumatore è sempre più esigente ed avvertito. Ha avuto inizio così un vero e proprio calvario, a carico degli abbonati alla rete telefonica fissa, che spesso quotidianamente devono sorbirsi una o più chiamate per promozioni infinite, che lasciano il più delle volte il tempo che trovano. Adesso, il legislatore sta facendo entrare in vigore una nuova disciplina, che darà un colpo mortale agli imprenditori selvaggi del call center e che punta a tutelare il cittadino-abbonato. In sostanza, chi non vorrà essere disturbato, potrà iscriversi a una cosiddetta “lista delle opposizioni”, grazie a cui non potrà più essere disturbato da alcuna azienda e campagna telefonica. Potranno iscriversi tutti gli abbonati di rete fissa con il numero sull'elenco pubblico, nonché di rete mobile, ma che abbiano pubblicato il proprio numero sull'elenco.
Chi non avesse pubblicato il proprio numero, non potrà iscriversi alla lista, se non altro perché non ce ne sarebbe bisogno, essendo le campagne di telemarketing rivolte agli abbonati con numero in elenco. Attenzione, però, a non rilasciare in forma scritta o verbale alcuna autorizzazione a essere chiamati, se non si vuole essere disturbati. Infine, la lista delle opposizioni resta riservata e trattata in modo tale da garantire il diritto di privacy dell'abbonato.
(01/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF