Sei in: Home » Articoli

Linee guida sul lavoro in tv, la Cgil contro Sacconi e il governo

Il Ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, ha dichiarato la sua volontà di aprire un tavolo di confronto con i sindacati e i rappresentanti del settore, per delineare alcune ipotesi di guida, per la televisione e in generale gli organi di informazione, riguardo al problema del lavoro, su come esso venga affrontato e in che quantità. La decisione del ministro avviene dopo una sollecitazione che parte da Cisl e Uil, che chiedevano, appunto, un tavolo di confronto per affrontare la delicata materia della trattazione del mondo del lavoro e delle sue dinamiche e cambiamenti nei mass-media. La Cgil, attraverso un comunicato del suo segretario confederale, Fulvio Fammoni, ha risposto a stretto giro contro l'ipotesi di aprire un tavolo di discussione, dicendosi rabbrividita dalla possibilità che un governo, il cui Presidente del Consiglio è proprietario di tre reti televisive, possa affrontare il tema del lavoro all'interno della tv italiana.
Secondo Fammoni, in Italia, di lavoro se ne parla poco e male e il conflitto di interessi non aiuta a parlare seriamente del problema. Rincara la dose il comunicato, sostenendo che il tavolo verrà aperto, perché a richiederlo sono state Cisl e Uil. E' evidente che se si aprirà un confronto tra le parti, il clima di partenza non sarà del tutto sereno.
(29/01/2011 - Emanuele Ameruso)
In evidenza oggi:
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss