Sei in: Home » Articoli

Cassazione: stesse garanzie per parlamentari e cittadini

Condividi
Seguici

La Cassazione ha accolto un ricorso presentato dal deputato della Cdl, Angelo Maria Sanza, ricordando che i parlamentari devono avere le stesse garanzie degli altri cittadini. Sanza, indagato per ''concorso esterno nel reato associativo'', si era rivolto ai giudici di piazza Cavour perche' la richiesta di arresto era arrivata alla Camera ma non gli era sta notificata. La Suprema Corte in proposito rileva che ''fare decorrere il termine di impugnazione della richiesta d'arresto pervenuta alla Camera di appartenena dell'indagato, significherebbe imporre l'esercizio del diritto di impugnazione in difetto della 'discovery' cui l'indagato ha diritto''. Come spiega piazza Cavour la richiesta di arresto inoltrata alla Camera ''e' atto diretto alla Camera e non all'indagato'', dunque ''non offre le stesse garanzie di piena informazione sul contenuto del provvedimento custodiale, assicurate o dall'esecuzione dell'arresto o dalla sua notificazione''.
(28/05/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: sms e e-mail fanno piena prova in giudizio
» Multe anche al conducente se il passeggero non mette il casco o la cintura
» Il contratto di comodato - guida con fac-simile
» Il licenziamento orale
» Il padre mantiene la figlia avvocato non ancora autosufficiente

Newsletter f t in Rss