Sei in: Home » Articoli

Autovelox fantasma, partono i ricorsi

autovelox multe
Stanno partendo i primi ricorsi, grazie all'interessamento delle associazioni dei consumatori, sugli autovelox “imboscati”, quelli cioè non segnalati e poco visibili, per il loro posizionamento defilato, lungo la E45. E se la procura di Forlì apre un'inchiesta, sono già tanti gli automobilisti multati, che adesso chiedono giustizia. Due le procedure da seguire, secondo la situazione. Per chi è stato multato da questi autovelox, ma non ha ancora pagato, dovrebbe fare ricorso entro il tempo stabilito, presso il giudice di pace, ma non solo; dovrà chiedere la sospensione del pagamento al prefetto e inviare relativa richiesta al Comune che ha elevato la sanzione. Per chi, invece, è stato multato e ha già pagato, si dovrà esperire un'azione risarcitoria; la class action non può essere intrapresa, dicono le associazioni dei consumatori; ciò che, invece, potrebbe essere intrapresa è la via dell'azione risarcitoria collettiva; il cittadino potrebbe rivolgersi a una delle associazioni che stanno occupandosi del caso, e chiedere tramite loro, relativo risarcimento; sarà così iscritto in una lista dei creditori, che eventualmente sarà soddisfatta, nel caso in cui il ricorso delle associazioni dovesse passare ed avere esito positivo. Il caso potrebbe fare da scuola, per i troppi episodi di cattiva gestione degli autovelox, al di fuori dei limiti normativi previsti.
(17/01/2011 - Emanuele Ameruso)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pecOpposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF