Sei in: Home » Articoli

Diossina, consumatori sul piede di guerra

Il caso della diossina nei mangimi in Germania, che si propagherebbe tramite le uova e polli esportati dalle imprese tedesche nel resto d'Europa, ha fatto scattare l'allarme dei consumatori in tutto il continente. In Italia, le associazioni dei consumatori sono sul piede di guerra, chiedendo controlli serrati al governo e accusano le aziende tedesche, nonchÚ gli organi di controllo della Germania di avere colpevolmente coperto il problema, una volta scoperto. Le stesse associazioni denunciano una possibile iniziativa, a livello europeo, con cui potrebbero chiedere che la Germania venga incriminata per attentato alla salute pubblica europea. Al di lÓ di questi scenari poco probabili, le associazioni chiedono comunque che tutti i prodotti coinvolti vengano individuati e bloccati, e che si intraprenda un'azione informativa, che renda il consumatore italiano pi¨ consapevole dei pericoli. Quanto al problema, il Ministro della Salute Fazio ha giÓ assicurato, anzitutto, dello scarso impatto del problema diossina in Italia, essendo risibile la percentuale di uova, ad esempio, importate dalla Germania, nel nostro Paese; e comunque sarebbero giÓ state adottate tutte le misure, per isolare i beni importati ed evitare che l'allarme si propaghi. Il Presidente di Federconsumatori, Rosario Trefiletti, considera assolutamente necessario, a questo punto, l'etichettatura della provenienza geografica dei prodotti, a livello europeo.
(01/02/2011 - Emanuele Ameruso)
Le pi¨ lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Addio definitivo alla SiaeAddio definitivo alla Siae
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF