La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 1937/03) ha stabilito che la prova della velocità del veicolo, in caso di sinistro stradale, può essere fornita per testimoni. I Giudici del Palazzaccio hanno infatti evidenziato che "non è inibito al giudice avvalersi dell’indicazione testimoniale relativamente alla velocità tenuta da un veicolo coinvolto in un incidente stradale, giacché in tal caso il teste è chiamato a formulare un giudizio di verità e non di valore e poiché sono sempre consentiti gli apprezzamenti che non sia possibile scindere dalla deposizione dei fatti, salva la valutazione del giudice sull’attendibilità dell’apprezzamento stesso".
Condividi
Feedback

(02/06/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Arriva il reddito d'emergenza