aduc id9484.png
L'associazione per i diritti degli utenti e consumatori ha diffuso un comunicato stampa dove spiega come difendersi dalle tessere di fedeltà che alcune aziende hanno fatto sottoscrivere a cittadini ignari e che in realtà nascondevano contratti per l'acquisto di beni. L'associazione richiama in particolare il decreto legislativo n.206/2005 che permette il diritto di recesso (art.64), senza penale entro 10 giorni.
Il termine - ricorda l'associazione - decorre dal momento della prima firma, oppure dal momento della consegna della merce. Le aziende responsabili di aver emesso tessere sconto fasulle sono state sanzionate dall'Antitrust. Ciò che è emerso è che talune imprese, tramite telefonate ingannevoli e visite a domicilio facevano credere di regalare tessere di fedeltà gratuite mentre in realtà facevano firmare "contratti a partire da 2mila euro, per l'acquisto 'inconsapevole' di tovaglie, lenzuola ed altri casalinghi". Secondo l'Aduc si tratta di pratiche non solo scorrette ma che potrebbero avere anche riolevanza penale.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: